Pievi Sonore

Siamo lieti di prendere a parte a questo evento promosso dagli Amici della Biblioteca Malatestiana. Qui di seguito il comunicato di Cesena Today:

Musica, storia, cultura si fondono, ancora una volta, in una iniziativa dell’Associazione Amici della Biblioteca Malatestiana che ha avuto il suo debutto l’anno passato nella Pieve di Tipano. Si tratta di “Pievi Sonore”, rassegna di musica antica tratta dagli spartiti musicali custoditi nella Biblioteca Malatestiana ed eseguita nelle antiche chiese cesenati. Anche per questa iniziativa, infatti, l’Associazione tiene saldo il timone sulla promozione della nostra preziosa biblioteca e dei suoi tanti tesori. Quest’anno il “teatro” della rassegna è la storica pieve di San Vittore e le voci che eseguiranno i brani sono quelle del Gruppo Vocale MusiCaesena diretto da Silvia Biasini.

Come da programma, Franco Dell’Amore, storico della musica (noto per la sua poderosa “storia della musica a Cesena” e per l’approfondimento della conoscenza di artisti cesenati che hanno lasciato una traccia nel mondo musicale italiano e non solo) illustrerà gli autori e i brani in esecuzione; Giordano Conti, presidente dell’Associazione Amici della Biblioteca Malatestiana e studioso del territorio, illustrerà la storia millenaria (risale al 919) della Pieve di San Vittore in Valle retta oggi da don Enzo Vitali e situata al centro di una comunità che è andata allargandosi negli anni.

Il coro di Silvia Biasini eseguirà musiche di Ludovico Grossi da Viadana, Orlando di Lasso, Claudio Monteverdi e Giovanni Ceresini. La curiosità si appunta soprattutto su quest’ultimo, non tanto per la qualità della musica (di notevole livello tutte le scelte operate dal coro) ma perché si tratta di un cesenate vissuto tra il 1584 e il 1659.  Ceresini, pur essendo membro dell’Ordine dei canonici regolari lateranensi di S. Croce, fu autore di gradevolissimi madrigali. Secondo i documenti,  nel 1632 chiese la carica di maestro di cappella presso il duomo di Cesena, richiesta che non venne accolta e così il 1659, probabile anno della morte, lo ritrova ancora presso il duomo di Ferrara. È noto inoltre che fece parte anche dell’Accademia degli Eterei di Cesena”.

Elementi di interesse riserva anche la storia dell’antica pieve di San Vittore in Valle la cui storia affonda le radici agli anni immediatamente antecedenti all’anno Mille. Numerosi i documenti antichi che descrivono la pieve e gli affreschi che decoravano l’interno. Soprattutto viene menzionato un grande affresco absidale e quelli lungo la navata, con la rappresentazione di processioni di santi. Oggi è ancora visibile un prezioso frammento, staccato e posto a sinistra rispetto all’entrata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.